Successo anche a Parigi

Successo anche a Parigi

L’Intermat (23-28 aprile) è stato un successo e ha ulteriormente sottolineato la capacità innovativa dei prodotti Simex.


Con oltre 185.000 visitatori (di cui il 35% non francesi) provenienti da 160 paesi e 1.500 espositori, Intermat si è confermato un appuntamento importante nel panorama delle fiere internazionali dedicate al mondo delle costruzioni. Simex era presente con uno stand dove ha presentato alcune importanti novità.

Creare innovazione ascoltando i clienti


Lo stand Simex ha attratto molti visitatori che hanno mostrato vivo interesse per i nuovi prodotti esposti ed hanno altresì confermato l’apprezzamento per la capacità di Simex di recepire le loro reali esigenze applicative. 

Particolare attenzione è stata rivolta alla nuova ST 160 B, al nuovo T 300 con nastro, alla nuova escavatrice a ruota RWA e alle teste fresanti TF 50 e il TF 100. Anche il nuovo pannello di controllo si è dimostrato un’innovazione recepita con soddisfazione da molti visitatori che hanno percepito quanto questo nuovo dispositivo posa rendere più facile e produttivo il loro lavoro.

ST 160 B per stendere l’asfalto in modo rapido e preciso


La nuova ST 160B che si affianca e sostituisce il modello Simex ST 200, è l’attrezzatura ideale in tutti quei casi in cui l’utilizzatore ha bisogno di un sistema di stesa economico e versatile, che non deve lavorare in offset rispetto all’ingombro della macchina motrice. soluzione ideale per tutte quelle situazioni di stesa in cui non è possibile, o non è conveniente, utilizzare una finitrice, anche se di piccole dimensioni. 

L’attrezzatura è ideale per la stesa di conglomerato bituminoso su piccole superfici di pavimentazione stradale, potendo lavorare con larghezza massima fino a 1500 mm o se inferiore, rispettando il massimo interasse tra le ruote/cingoli della macchina motrice. In entrambi i casi, la stesa può avvenire con spessori fino a 100 mm. 

L'attrezzatura può essere inoltre impiegata per il ripristino della pavimentazione di scavi a sezione obbligata fino ad una larghezza minima di 125 millimetri. Caratterizzata da una struttura leggera, ma molto robusta, l'ST 160 B è facilmente trasportabile e può essere accoppiata alla maggioranza delle pale compatte. L'ST 160 B è di uso facile ed intuitivo, può essere pulita rapidamente dopo l'utilizzo e quindi offre vantaggi anche da un punto di vista della logistica del cantiere. 

Questa attrezzatura può inoltre essere montata e smontata dalla macchina motrice in tempi molto brevi, a tutto vantaggio della produttività. essere utilizzata con grande efficacia anche per convogliare il materiale di risulta all'interno di trincee e scavi a sezione obbligata, permettendo così di velocizzare l'operazione e di renderla più precisa rispetto ai sistemi comunemente impiegati. 

T 300: ora anche con nastro


La nuova escavatrice a ruota T 300 fa parte della gamma Simex che oggi conta ben 8 modelli (6 della gamma T e 2 della gamma RW) con i quali ha in comune alcune caratteristiche. Fra queste spiccano, la protezione totale della ruota ad ogni profondità di lavoro, una soluzione che garantisce la massima sicurezza di persone o cose, mentre la dotazione di motori idraulici a pistoni in presa diretta con il disco fresante consente il massimo rendimento idraulico ed un'elevata forza di taglio. 

Questa escavatrice a ruota può scavare a larghezze di 30, 50 o 80 millimetri e ad una profondità di 300 millimetri, caratteristiche che la rendono quindi ideale per lo scavo di micro e mini trincee tipicamente realizzate per le reti in fibra ottica.

Oggi la T 300, su richiesta, è offerta anche con inclinazione idraulica che consente di mantenere la ruota di scavo costantemente e perfettamente perpendicolare al terreno, anche quando la macchina motrice non è parallela al piano stradale, e con nastro trasportatore, così da evitare che il materiale di risulta rimanga a terra.

Se dotata di nastro, la T 300 si dimostra particolarmente produttiva, perché permette di convogliare il materiale di risulta nella benna di un'altra pala compatta che, procedendo all'indietro rispetto alla direzione dello scavo, lo raccoglie evitando così di doverlo raccogliere con altra attrezzatura, diminuendo quindi i passaggi ed ottimizzando i tempi.

La nuova T 300 dimostra ancora una volta quanto Simex oggi offra la più ampia gamma di attrezzature specificamente dedicate alla realizzazione di mini e micro trincee.

RWA 500 per lavorare in qualsiasi situazione


Dopo il successo ottenuto dall'RW 500, Simex ha messo a punto l'RWA 500, pensata per dare una risposta ancora più specifica allo scavo di mini trincee destinate ad accogliere le reti in fibra ottica. Questa attrezzatura è infatti capace di operare sempre perpendicolarmente rispetto al piano di lavoro, anche se la macchina motrice è inclinata. 
L'RWA 500 si distingue per la sua produttività, grazie a motori idraulici a pistoni in presa diretta con la ruota fresante, che consentono il massimo rendimento ed una elevata forza di taglio. L'operatore non si deve inoltre preoccupare dei problemi derivati dalla scarsa visibilità dell'area di lavoro, perché la profondità di scavo ottenuta è esattamente e costantemente quella impostata grazie all'autolivellamento (brevetto Simex). La profondità di scavo è infatti costante in qualsiasi condizione, indipendentemente dal profilo della pavimentazione e dalla posizione dell'attrezzatura rispetto alla macchina motrice, e dunque corrisponde sempre a quella richiesta.

Altra importante caratteristica dell'RWA 500 sono le bocche di uscita del materiale, che permettono di ottenere uno scavo pulito alla profondità impostata, senza la necessità di montare un raschiatore; una soluzione che va a tutto vantaggio anche della leggerezza. Il materiale scavato fuoriesce inoltre sia da destra che da sinistra, ma se necessario, può essere convogliato da un solo lato, semplicemente chiudendo una delle bocche di uscita; una possibilità che si dimostra molto utile per gli scavi a bordo strada. Il disco base con settori smontabili e intercambiabili permette poi la rapida variazione della larghezza di scavo senza necessità di sostituire l'intero elemento, evitando così i tempi lunghi che ciò comporterebbe. 

La protezione totale della ruota ad ogni profondità di lavoro garantisce infine la massima sicurezza a persone e cose, rendendo l'attrezzatura ideale per gli interventi anche nei centri storici e nelle aree particolarmente affollate.
 

TF 50 e TF 100 potenza compatta


Le nuove teste fresanti TF 50 e TF 100 si aggiungono alla gamma Simex, oggi quindi composta da dieci modelli. 
Pensate per essere accoppiate rispettivamente a mini escavatori da 1,2 a 2 tonnellate e da 2 a 4 tonnellate queste piccole, ma potenti, teste fresanti permettono lo scavo per la loro intera larghezza, grazie ad un sistema innovativo a catena centrale che non lascia zone non scarificate, permettendo così di sfruttare al meglio la capacità di lavoro dell'attrezzatura.

Il TF 50 e il TF 100 possono essere impiegati con successo per le scarifiche di muri in cls o per la rimozione di intonaci e, grazie al peso e alle dimensioni limitate delle macchine motrici con cui sono accoppiate, sono ideali per le ristrutturazioni di edifici civili e industriali. Una capacità applicativa ulteriormente sottolineata dal basso livello di rumorosità anche in ambienti confinati. Queste attrezzature si dimostrano inoltre estremamente risolutive anche per la profilatura di superfici orizzontali o verticali che necessitano di essere regolarizzate.
La maneggevolezza e le limitate dimensioni non devono tuttavia trarre in inganno sulla potenza e forza di scavo di queste teste fresanti, che sono rispettivamente capaci di un momento torcente di 590 Nm e di una forza di taglio pari a 5100 N con 250 bar (TF 50) e di 1060 Nm e 8100 N a 300 bar (TF 100).

Una caratteristica idraulica che le rende particolarmente adatte ad impieghi in ambito florovivaistico e forestale, quali ad esempio il taglio di ceppi e radici, ma anche lo scavo di piccole trincee su terreno roccioso o la realizzazione di scavi per la posa di pozzetti per reti idriche, telefoniche o elettriche.

Grazie alla loro robusta costruzione la TF 50 e la TF 100 sono molto affidabili e possono essere utilizzate per gli impieghi più gravosi, assicurando sempre un'ottima produttività.

Tutte le funzioni a portata di mano


Simex ha messo ha punto una nuova interfaccia di controllo, dotata di schermo capacitivo (touch screen) da 7 pollici. Il dispositivo andrà a sostituire il pannello di controllo che attualmente viene sistemato in cabina ed ha la caratteristica di essere universale, cioè utilizzabile con tutte le attrezzature Simex.

Il nuovo sistema è molto semplice ed intuitivo e offre il pieno controllo su qualsiasi funzionalità dell’attrezzatura. Il pannello è inoltre un importante passo avanti per quanto riguarda la sicurezza, perché permette di monitorare in tempo reale il funzionamento dell’attrezzatura, anche quando l'operatore utilizza i joystick della macchina motrice.

CHIEDI INFORMAZIONI

Richiedi informazioni specifiche sul prodotto oppure richiedi la lista dei dealer

I campi contrassegnati con asterisco (*) sono obbligatori
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni